venerdì 4 maggio 2012

Azione Universitaria Pavia per Villa Ramelli




Il caso di Villa Ramelli di Tolve (PZ) non poteva lasciare indifferenti Azione Universitaria Pavia, compatto gruppo di militanti provenienti da tutta Italia e anche dalla Basilicata.
La rimozione della targa commemorativa da parte del sindaco di Tolve, alla vigilia dell’anniversario della morte di Sergio ci ha stupito e soprattutto noi, Lucani del gruppo, ci siamo sentiti chiamati in causa, colpiti dal pregiudizio e dalla ignoranza che ancora aleggiano nella classe dirigente della nostra Regione.
Ad una settimana di distanza siamo stanchi di leggere che si è ancora orfani di idiologie, che la targa è a disposizione di chi vuole intitolare a Ramelli una sezione politica. E siamo stanchi che i giornali minimizzano e nello stesso tempo creano tensioni inutili insistendo su le distanze tra ex AN e ex FI.
Non conosciamo i veri motivi che hanno portato alla rimozione della targa, non vogliamo saperli, noi ci schieriamo in difesa di Villa Ramelli, senza se e senza ma.
E’ un nostro dovere difendere Sergio, per la sua militanza, per il suo sacrificio. Sergio è morto per il suo credo politico; noi oggi siamo liberi di scrivere, parlare, dibattere, militare senza la paura che qualcuno ci colpisca a morte. Sergio questo non l’ha potuto fare, in quegli anni si usciva di casa per fare politica con la consapevolezza di non poterci più ritornare.
Era bella l’idea di una villa comunale dedicata a Sergio. La villa comunale, soprattutto nei piccoli centri è luogo di aggregazione, di giochi, di incontri, di primi amori. La politica giovanile è come una villa comunale: è aggregazione, crescita, formazione, è il vivaio dei politici di domani. La nostra politica giovanile è figlia del sacrificio di Sergio.
La libertà di esprimere il proprio credo politico è anche libertà di intitolare una via, una piazza, una villa ad un ragazzo come Sergio.
Forse ogni tanto i vecchi politi dovrebbero imparare dalla politica giovanile; dovrebbero lasciarsi contagiare dalla nostra voglia di fare  non contaminata da strani e confusi calcoli per rimanere ben saldi alla poltrona. Noi, seduti su vecchie e sgangherate sedie di sedi di partito, sappiamo ancora ridere, divertirci e far politica.
Noi di AU PAVIA difendiamo Villa Ramelli e il suo significato.
Noi stiamo con Sergio e invitiamo le altre associazioni politiche giovanile ad intervenire per appoggiare chi vuole riportare la targa al suo posto.
“…e quando siete felici e godete della libertà che i coraggiosi vi hanno regalato, abbiate un pensiero per loro, che sono passati come passa una carezza del vento…” Tolve (PZ) “ 2004


Maria  Piliero Antonio Spera

Nessun commento:

Posta un commento